Come si diventa OSS: che cosa devi sapere
5 (100%) 2 voti

Una professione fino ad alcuni fa piuttosto snobbata, soprattutto nel nord Italia, sta prendendo sempre più piede nel panorama lavorativo italiano, anche fra i giovani appena usciti dalle scuole superiori

L’Operatore Socio Sanitario (OSS) aiuta malati, anziani, disabili, persone non autosufficienti o con problemi sociali offrendo supporto assistenziale e psicologico. Interviene nella cura dei degenti in ospedale o di persone allettate in casa aiutandoli nell’igiene personale e nello svolgimento delle normali attività quotidiane.

Presente sia in ambito privato che in strutture pubbliche, è quindi un operatore di supporto all’intera équipe medica.

Vediamo quindi come si diventa Operatore Socio Sanitario

 

Come si diventa Operatore Socio Sanitario: l’iter da seguire

La formazione prevista dall’accordo Stato-Regioni del 2001 prevede un corso a pagamento di non più di 18 mesi comprendente almeno 1.000 ore di formazione in ambito teorico, pratico e di tirocinio.

Gli ambiti disciplinari previsti sono 4: area socio-culturale e legislativa, area psicologica, area igienico sanitario ed area tecnico operativa.

I corsi sono svolti da enti pubblici e privati, preventivamente autorizzati dalle regioni sulla base del fabbisogno lavorativo annuale, e prevedono la frequenza obbligatoria, ovvero non si può essere ammessi all’esame finale se si è stati assenti per più del 10% delle ore complessive.

L’esame consiste in una prova teorica e pratica di fronte ad una commissione esterna, e al termine viene rilasciato un Attestato di Operatore Socio Sanitario spendibile nel mercato del lavoro

 

Come si diventa Operatori Socio Sanitari: i requisiti

I requisiti per poter accedere ai corsi per diventare Operatore Socio Sanitario sono:

  • Aver compiuto almeno 17 anni
  • Essere in possesso di diploma della scuola dell’obbligo
  • Per gli stranieri essere in possesso di un attestato certificante la conoscenza della lingua (almeno A2)

 

Ma quanto guadagna un OSS?

Purtroppo, alla classica domanda posta da chi è intenzionato a cominciare i corsi per diventare Operatore Socio Sanitario, non è così semplice rispondere.

Le retribuzioni differiscono fra le varie regioni ed anche fra il settore pubblico e privato.

Una cosa è certa: il Contratto Collettivo Nazionale del Lavoro, applicato di default a tutti i lavoratori in ambito pubblico, fa rientrare l’OSS nella categoria B con uno stipendio mensile di 1.436 euro lordi.

Nel settore privato tuttavia questo importo può differire anche di molto.

 

Hai ancora dei dubbi riguardo questa professione?

Scopri intanto quali sono le differenze tra un OSS e le altre figure professionali!

Articoli simili